Annunci

Cactus anti-radiazioni

Già negli anni ’80 alcuni ricercatori statunitensi hanno fatto degli studi su alcune persone che passavano diverse ore davanti ad un monitor e hanno scoperto che, sistemando vicino allo loro postazione una pianta di cactus, queste persone accusavano minori segnali di stanchezza e soffrivano meno di emicrania. Pare che le caratteristiche della pianta permettano l’assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche!

Se leggenda o meno non mi è dato appurarlo, ma diverse fonti danno comunque questa pianta come rimedio benefico per chi passa diverse ore davanti ad un pc, non dimenticando che esistono piante specifiche da appartamento con funzioni anti-inquinamento che migliorano la qualità dell’aria che respiriamo in casa nostra.

Annunci

Per potenziare l’effetto del detersivo per il bucato

Se il risultato del vostro bucato non vi soddisfa vi consiglio di ottimizzarlo aggiungendo alla vaschetta del detersivo questi ingredienti a seconda di ciò volete ottenere:

  • se il bucato rimane grigio, aggiungere nella vaschetta 1/2 bicchiere di alcool rosa o bianco
  • se rimane l’odore di sudore, in questo caso l’unico vero rimedio è l’ammollo prima della lavatrice con un 1 chucchiaino di bicarbonato, oppure spruzzare un pò di aceto bianco nella zona del tessuto da trattare poi mettere in lavatrice
  • se non è sufficinetemente bianco, aggiungere nella vaschetta del detersivo il percarbonato di sodio e (facoltatico) 1 cucchiaino di sale grosso
  • per smacchiare a fondo, aggiungere nella vaschetta del detersivo 2 cucchiai di soda solvay e 2 cucchiai di sale grosso

Fonte:  vivereverde.blogspot.com


Contro la caduta dei capelli una ricetta della nonna

Una vecchia ricetta della nonna vede l’utilizzo dell’ortica nel trattamento della caduta dei capelli: l’ortica è infatti molto utilizzata per la cura e la bellezza dei capelli perchè ricca di sali inorganici, zolfo, vitamine e provitamine che ne rinforzano la struttura ma anche previene la forfora ed è un ottimo antiseborraico.

Prevalentemente si utilizzano le foglie di questa pianta per fare delle frizioni ad azione rinforzante: in 1 lt d’acqua di fanno bollire per circa 20 minuti 30 gr di foglie di ortica e 50 gr di radice di bardana. Si lascia in infusione almeno 1 giorno poi si filtra il liquido che verrà utilizzato per frizionare i capelli prima dell’ultimo risciacquo dopo lo shampoo.


Anticalcare per la vasca da bagno

Per togliere eventuali tracce di calcare dalla vasca da bagno è sufficiente strofinare la zona incrostata con aceto bianco caldo oppure fare una soluzione di sale fino mescolato a succo di limone.


Obsolescenza programmata: fatti per non durare

Ho letto qualche tempo fa su una rivista un articolo molto interessante sull’obsolescenza programmata, ne avete mai sentito parlare?

In realtà con questo termine non si vuol far altro che definire la situazione consumistica legata al nostro tempo: l’abbiamo sotto gli occhi ogni giorno, la usiamo e la buttiamo via con altrettanta facilità con la quale ne entriamo in possesso, ci arrabbiamo quando non va più e corriamo sempre ad acquistarne un’altra non appena esce un nuovo modello per archiviare quella “obsoleta” appunto:  ecco la tecnologia di oggi, sfacciatamente debole se usata troppo, incredibilmente volubile per stare al passo con la sua stessa specie e meravigliosamente usa e getta, in linea con la mentalità odierna. Quando si compra un nuvo PC ad esempio, siamo inconsapevolmente coscienti che questo tra qualche mese verrà soppiantato da un nuovo modello, ma come mai le macchine che compriamo oggi (gli elettrodomestici come le automobili e tanto altro ancora) è fatto per non durare? Siamo di fronte ad una vera e propria organizzazione creata alle spalle del povero consumatore, la quale per mantenere costante il proprio obiettivo di vendere a scapito di ogni etica, crea un prodotto con scadenza più o meno breve, come lo yogurt!

Riparatori e artisti del fai da te, unitevi!

A questo proposito vi segnalo un video che…parla sa solo!

 


Minimo Impatto

 

 

 

 

 

 

Vi segnalo un sito sul quale spesso mi rifornisco di alcuni eco-ingredienti (acido citrico, percarbonato di sodio, ecc…). Acquistando qui i prodotti sapete che dietro c’è un’azienda che è attenta all’impatto ambientale e troverete anche saponi, detergenti, detersivi, eco pannolini, posate e stoviglie usa e getta biodegradabili, fitocosmesi, cura del corpo, eco-design, consulenza ambientale, giochi per bambini e prodotti ad energia solare.

Ai lettori di ecopensare è previsto uno sconto dell’8% da utilizzare per tutto il 2012: al momento dell’ordine per ottenere lo sconto è necessario scrivere “ecopensare“, e cliccare l’OK accanto all’apposito spazio (limitazioni sui prodotti già in offerta)


Percarbonato di sodio: sbiancante e igienizzante ecologico per il bucato

In molti avranno sentito parlare più che altro di perborato di sodio che l’industria dei detersivi di oggi ha sostituito con il percarbonato di sodio, in altre parole l’ossigeno attivo di cui molti prodotti commerciali fanno lustro. In breve è il componente dei detergenti sbiancanti ed igienizzanti ma la vera arte del fai da te ecologico è trovarlo puro: infatti il percarbonato, se dissociato a profumi, enzimi, tensioattivi e sbiancanti ottici non è inquinante. Si trova sottoforma di polvere granulare bianca, attivo già a 40° non ingiallisce i capi come la candeggina, è inodore, migliora i lavaggi in presenza di acque particolarmente dure e calcaree, in lavatrice ne basta un cucchiaino scarso nella vaschetta insieme al detersivo; io generalmente lo acquisto on line su OfficinaNaturae o Minimo Impatto ma per fortuna ora si riesce a trovare anche in alcuni (rari) negozi che vendono prodotti naturali.

Consiglio: i capi particolarmente sporchi si possono lasciare in ammollo con una punta di un cucchiaino di percarbonato, oltre a sbiancare e igienizzare lascia i tessuti più morbidi.